Return to site

COME FAR PACE CON IL CAMBIAMENTO

Il cambiamento è il motore della vita

Il cambiamento è il motore della vita.

Tutto ciò che è vivo è in costante cambiamento. Cambia il nostro fisico, cambia la nostra

mente, si modificano le nostre percezioni, anche la profondità dei nostri pensieri è soggetta

a cambiamento, anche adesso, in questo preciso istante.

Nel mentre, il cielo cambia colori, le nuvole passano, a volte ci raggiungono, si alza il vento e

poi piove, infine spunta il sole.

Il mondo si spegne ogni sera, per poi rinascere ogni mattina, sempre differente, sempre

nuovo.

 

Siamo immersi nel cambiamento, non possiamo che accettarlo e farci amicizia.

Eppure, per molte persone è più facile a dirsi che a farsi.

Il cambiamento fa paura, si associa alla morte, alla fine di momenti della vita che abbiamo

amato, alla separazione. Cerchiamo spesso di fargli spazio in noi, ma ne abbiamo paura.

Soprattutto in quei sistemi familiari in cui il lutto è stato parte integrante dell’esperienza degli

antenati, può accadere che il cambiamento venga rifiutato, con un conseguente irrigidimento

verso la vita che, invece, non può che sospingersi proprio lì.

Il rifiuto del cambiamento è, infatti, assenza di vita.

 

Inoltre, quando temiamo il cambiamento spesso, senza accorgercene, inconsciamente

rifuggiamo anche quei cambiamenti positivi a cui tanto aneliamo: cambiare lavoro, ricevere

promozioni, innamorarsi, fare figli, acquistare una casa più grande, permettersi nuove

esperienze.

Quindi, è importante per ognuno di noi aprire una personale quanto profonda riflessione sul

nostro rapporto con il cambiamento e, qualora ci accorgessimo di temerlo o rifuggirlo, è

importante individuare strategie volte ad imparare ad accoglierlo, senza paura.

Bisogna quindi farci amicizia.

 

Ma come fare?

Per intessere una nuova relazione con il cambiamento è importante iniziare ad accoglierlo in

dosi omeopatiche, per accorgerci che se gli apriamo un poco la nostra porta...non succede

proprio niente di male! Iniziamo quindi a scegliere e a mettere in atto piccoli cambiamenti,

che non ci creino particolare ansia, ma che ci facciano sperimentare qualcosa di nuovo.

 

Ecco alcuni suggerimenti:

1. Cambiamo le nostre strade. Se siamo abituati a recarci al lavoro percorrendo un

certo tragitto, possiamo sperimentarne uno nuovo. Assaporiamo quali sensazioni si

fanno largo in noi nel percorrere una nuova strada. Avvertiamo paura? In questo

caso possiamo ripeterci “va tutto bene, sto cambiando in sicurezza” Dopo un po’ di

giorni anche la nostra nuova strada sarà diventata un’abitudine, quindi potremo

nuovamente modificarla...

 

2. Cambiamo il nostro aspetto, il taglio di capelli, l’abbigliamento, piccoli dettagli che

possono offrirci una nuova immagine di noi. Abituiamoci a modificare spesso il nostro

aspetto esteriore, per ricordare a noi stessi che siamo sempre differenti rispetto a ieri.

 

3. Cambiamo la disposizione dei mobili di casa, almeno una volta all’anno. Regaliamo

ciò che non ci serve, posizioniamo le sedute secondo nuove prospettive, dormiamo

in zone della camera differenti.

 

4. Almeno una volta all’anno facciamo un’esperienza nuova, che la persona che

eravamo ieri non avrebbe mai fatto. Scegliamo qualcosa di bello, ma di inaspettato.

 

5. Concediamoci ad una bella passeggiata meditativa, camminando piano, presenti a

noi stessi. Accorgiamoci dei nostri passi che incontrano e lasciano la terra,

ritmicamente. Voltiamoci a guardare il tragitto percorso, ma senza fermarci, senza

bloccare il nostro procedere. Poi nuovamente guardiamo in avanti, verso il futuro.

Osserviamo la luce che cambia.

 

6. Ogni sera riflettiamo sui cambiamenti innocui o felici che continuamente si

presentano nella nostra vita: un nuovo bar grazioso che apre sotto casa, un vicino

appena trasferitosi, un collega recentemente assunto, un nuovo piatto da cucinare ad

una persona cara.

 

Ed ogni volta che ci prende la paura possiamo sostare in lei, respirare, e ripeterci “va tutto

bene, sto cambiando in sicurezza” oppure “cambiare è sicuro, io sono al sicuro”

Piano piano, senza forzare la mano, ci accorgeremo di temere meno il cambiamento e di

iniziare ad associarlo alla vita e alla nascita, più che alla fine e alla morte.

Buon felice cambiamento a tutti.

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OKSubscriptions powered by Strikingly